Lenti intraoculari

La qualità della vista dopo l’intervento di cataratta dipende dal tipo di lente intraoculare (IOL) utilizzata. Il Dott. Federico Badalà utilizza a Milano e Catania tutte le più innovative lenti intraoculari disponibili.

Lenti intraoculari Standard:

  • Questo tipo di lente intraoculare (IOL) permette di vedere bene lontano o vicino. Possono rendersi necessari occhiali sia per lontano che per vicino.
  • Tuttavia in condizioni di basso contrasto o visione notturna la qualità della visione non è ottimale.

Lenti intraoculari Asferiche:

  • Migliore qualità della visione notturna rispetto alle lenti intraoculari (IOL) tradizionali.
  • Maggiore sensibilità al contrasto rispetto allelenti intraoculari (IOL) tradizionali.
  • In condizioni di nebbia la qualità della vista è migliore rispetto alle lenti intraoculari (IOL) tradizionali.

Lenti intraoculari Toriche:

  • Queste lenti intraoculari (IOL) permettono di correggere l’astigmatismo e la cataratta.
  • Garantiscono una migliore qualità della visione da vicino e da lontano ai soggetti astigmatici.
  • Offrono la stessa qualità della visione delle lenti asferiche dopo l’operazione di cataratta.

Lenti intraoculari Hi-Tech personalizzabili con la luce:

  • Garantiscono in casi selezionati la migliore vista possibile senza occhiali.
  • Correggono, miopia, ipermetropia, astigmatismo e presbiopia insieme alla cataratta.
  • Si adattano alle esigenze visive del singolo paziente correggendo anche le più piccole imperfezioni chiamate aberrazioni.
  • L’intervento di cataratta viene adattato e personalizzato sulle esigenze del singolo paziente, ogni lente intraoculare sarà personalizzata e diversa da paziente a paziente.

Lenti intraoculari Multifocali:

  • Sono lenti intraoculari (IOL) che hanno due o piu punti focali e permettono di vedere bene da lontano e da vicino dopo l’operazione alla cataratta.
  • Per la lettura prolungata ed i caratteri molto piccoli si rende comunque necessario l’uso di lenti correttive.
  • Al buio, possono associarsi alla visione di aloni colorati intorno alle sorgenti luminose. Si possono oggi impiantare anche in chi ha già eseguito un intervento di cataratta tradizionale e desidera liberarsi dagli occhiali

Lenti intraoculari Accomodative:

  • Attraverso un particolare forma della lente sembrano ripristinare il meccanismo naturale della messa a fuoco per vicino che si perde con l’età. Con la chirurgia della cataratta si rimuove il cristallino che non accomoda più e si sostituisce con una lente intraoculare che accomoda.
  • Tuttavia la loro efficacia nel tempo rimane controversa.

Lenti intraoculari per Maculopatia (OriLens e LMI Lipshitz Macular Implant):

  • Ideali per chi soffre di cataratta e maculopatia, si tratta di un sistema di lenti telescopico (telescopio intraoculare) che permette di ingrandire molto l’ immagine centrale.
  • L’operazione di cataratta con queste lenti permette a chi soffre di maculopatia con visus molto basso di migliorare molto la vista centrale per i dettagli.
  • È come se venisse impiantato all’interno dell’occhio un video ingranditore che ingrandendo molto l’immagine centrale permette di ricominciare a leggere in alcuni casi selezionati

La vista dopo l’operazione di cataratta dipende dalla scelta della lente intraoculare più idonea per ciascun occhio. La maggiore soddisfazione del paziente dopo chirurgia della cataratta dipende da una scelta consapevole della lente intraoculare che più si adatta alle proprie esigenze. Ciò permette inoltre di ridurre il rischio di complicanze dell’intervento di cataratta.

Marco Scola, Milano

Votazione: Eccellente
Dalla paura alla gioia!
Mi è stata diagnosticata una cataratta, ma il mio più grande desiderio era quello di poter correggere anche la mia grave miopia e la paura mi aveva sempre bloccato.
Dopo una accurata ricerca h... Continua a leggere la testimonianzao fissato una visita con il Dott. Badalà e subito ho capito che ero sulla strada giusta. Con un solo intervento il dottore mi ha liberato dalla cataratta, dalla miopia (di oltre 20 diottrie) e dall'astigmatismo (di circa 3 diottrie).

L'intervento si è svolto in sala operatoria, avevo il camice, gli elettrodi per il monitoraggio e avendo io scelto l'anestesia locale per non vedere o sentire nulla, mi è stata praticata un'iniezione vicino all'occhio.

Dopo solo sei ore dall'intervento togliendo il bendaggio avevo notato già un miglioramento nella vista. Per sicurezza ho dormito con una conchiglia di protezione sull'occhio.
Il giorno seguente ho fatto la visita di controllo e visto l'esito positivo ho fissato dopo 10 giorni l'intervento all'altro occhio.

A solo 1 mese da entrambi gli interventi ho avuto la grande gioia di poter vedere dieci decimi per la prima volta nella mia vita.
La mia vita è cambiata completamente e sono molto soddisfatto del risultato ottenuto.