Convalescenza e complicazioni Laser Ipermetropia

Dopo l’intervento per ipermetropia cosa devo fare?

In genere è raccomandato un periodo di riposo di almeno 2 giorni. Dipende molto dal tipo di intervento a cui ci si è sottoposti. Nel caso di PRK il Dott. Badalà consiglia 4 -5 giorni di riposo e solitamente esegue l’intervento laser ipermetropia a Milano e Catania il giovedi in modo da favorire il riposo con la tranquillità del weekend. Con la Femto LASIK invece di solito bastano 48 ore per ritornare ad una vita pressoché normale. Per quanto riguarda le normali attività quotidiane non ci sono particolari restrizioni, occorre ricordare che è severamente controindicato sfregare l’occhio o toccarlo con le mani sporche.

  • Si può tornare in piscina o al mare,dopo 1 mese con gli occhialini protettivi.
  • Si puo riprendere a guidare l’automobile non appena la cornea si è rimarginata si ha già una vista sufficiente per soddisfare i requisiti visivi per la guida, ma ciò dipende anche dall’entità di miopia che si corregge, per cui è meglio sarà lo stesso oculista che indicherà quando è giunto il momento.

Non è infrequente una maggiore stanchezza visiva, soprattutto alla lettura, durante i primi mesi di adeguamento dell’occhio alla nuova modalità di messa a fuoco.

Complicazioni Intervento Laser Ipermetropia

Le complicanze dopo questo tipo di intervento sono molto rare con i Laser di ultima generazione.

Solitamente si osserva nel periodo iniziale una leggera miopia dopo il laser per l’ipermetropia. Questa non è una complicanza fa farte del normale decorso post-operatorio.

E’ fondamentale eseguire tutti gli esami pre-operatori disponibili, quali topografia e tomografia della cornea, pachimetria corneale, pupillometria ed in certi casi anche la aberrometria. Questi esami permettono di capire quali sono i candidati ottimali a questo tipo di intervento e quali invece presentano un rischio più alto di complicanze ed in questo caso occorre optare per un altro tipo di intervento oppure rinunciare.

Le complicanze più frequenti (comunque estremamente rare) sono riconducibili ad una incompleta correzione dell’ ipermetropia, se cosi fosse si può re-intervenire con il laser per l’ ipermetropia oppure si possono portare nuovamente occhiali o lenti a contatto.

Una complicanza più grave dell’intervento laser ipermetropia è l’infezione per cui è necessario adottare norme di buon igiene nei primi giorni dopo l’intervento ed utilizzare colliri antibiotici secondo la prescrizione medica. Nel singolo caso possono presentarsi poi dei rischi specifici che l’oculista illustrerà caso per caso.

Antonio Parrino, Milano

Votazione: Eccellente
Problema: Astigmatismo, Ipermetropia, Presbiopia
Soluzione: PRK
Ho fatto una seconda PRK per ipermetropia, astigmatismo e presbiopia a gennaio 2014.
Circa dieci anni fa ho fatto una PRK per correggere la miopia. Nel corso degli anni la mia vista è peggiorata e allora ho conosciuto ... Continua a leggere la testimonianzail Dott. Badala' che mi ha proposto un ritrattamento PRK customizzato.
Il risultato a 6 mesi dall'intervento è molto buono: ho recuperato la visione da lontano ed anche da vicino (eliminando gli occhiali da lettura).

Il suggerimento che posso dare per chi approccia l'operazione per la prima volta è quello di concentrarsi per tenere immobile l'occhio durante il funzionamento del laser.

Durante l'operazione non si sente nulla per cui la si può affrontare con tranquillità. Dopo l'operazione al secondo/terzo giorno ho avvertito un fastidio all'occhio che però ritengo sopportabile anche senza antidolorifici.

E' molto importante seguire meticolosamente le indicazioni del medico come ad esempio: l'uso dei colliri, l'utilizzo degli occhiali da sole, il riposo, non toccare l'occhio ed evitare traumi... per i primi giorni ci vuole un po' di pazienza ma nelle settimane successive il risultato si apprezza ogni giorno di più.