Intervento Laser Cataratta

L’intervento laser Cataratta è una recente innovazione nella chirurgia della Cataratta. Prima del 2012 infatti la Cataratta veniva rimossa in alcuni casi ancora tramite l’ausilio di tecniche che implicavano l’utilizzo di strumenti quali bisturi e pinze. Ciò era dovuto in parte anche al fatto che l’apprendimento dell’utilizzo di tecniche più avanzate richiedeva molto tempo ed esperienza sul campo. L’intervento di Cataratta oggi, grazie anche all’introduzione del laser, è notevolmente più preciso ed indolore.

L’intervento laser Cataratta semplifica la chirurgia in alcuni casi selezionati, tuttavia non può essere utilizzato nelle Cataratte avanzate oppure in presenza di opacità della Cornea e sembra prolungare la durata dell’atto operatorio.

Gli interventi più avanzati: Facoemulsificazione e laser al Femtosecondo

La tecnica più diffusa per il trattamento della Cataratta è la Facoemulsificazione, che consiste nell’aspirazione della Cataratta tramite ultrasuoni. Ad oggi oltre il 90% degli interventi di Cataratta viene eseguito con la tecnica della Facoemulsificazione.

Un’altra tecnica utilizzata per rimuovere la Cataratta è quella che sfrutta il laser al Femtosecondo. Quest’ultimo viene utilizzato per l’esecuzione di alcune fasi dell’intervento. Spesso il laser della Cataratta si affianca agli ultrasuoni della Facoemulsificazione per la rimozione del cristallino.

L’intervento di Facoemulsificazione rimane però ad oggi il gold standard per la chirurgia della Cataratta, ma non è da escludere che sviluppi ulteriori del Laser per la Cataratta renderanno probabilmente quest’ultima metodica più diffusa in futuro.

Alla rimozione della Cataratta segue la sotituzione del cristallino naturale con uno artficiale, o lente intraoculare (IOL).

A prescindere dal metodo utilizzato però, oggi l’intervento di Cataratta è comunque considerato mini invasivo. L’intervento di Cataratta si conclude senza sutura e la ferita chirurgica è di circa 2-3 millimetri. La durata dell’operazione è variabile, ma può consistere anche in soli 10 minuti. Il paziente potrà ottenere dal dott. Badalà un’idea più precisa della propria operazione a seguito di una prima visita specialistica.

Dopo l’interevento di cataratta il recupero della vista è di solito molto rapido: circa uno, due giorni.

La Cataratta e i difetti della Vista

Intervento laser CatarattaCapita spesso che chi si sottopone ad intervento laser Cataratta sia anche affetto da uno o più difetti della vista, come Miopia, Astigmatismo, Presbiopia ed Ipermetropia.

Dopo l’intervento di Cataratta si può utilizzare una luce laser per plasmare le lenti intraoculari personalizzabili o hi tech. In questo caso la luce laser modella la lente intraoculare per venire incontro alle esigenze visive del paziente e correggere gli eventuali difetti della vista residui dopo la chirurgia della cataratta.

Laser Yag per la Cataratta Secondaria

Il Laser nella chirurgia della Cataratta viene anche utilizzato per il trattamento della Cataratta Secondaria, che può presentarsi a distanza anche di anni dal primo intervento. In questo caso però si utilizza un laser yag e non al femtosecondo. La finalità è quella di rendere nuovamente trasparente la capsula che sostiene il cristallino artificiale con cui è stato sostituito quello naturale nel corso della precedente operazione laser di Cataratta.

Sebastiana Finocchiaro, Catania

Votazione: Eccellente
Avevo grossi problemi visivi a causa della cataratta e di un'elevata miopia (-20) con astigmatismo (-2.0) in entrambi gli occhi. Così un anno fa mi sono sottoposta all'intervento di sostituzione del cristallino e di imp... Continua a leggere la testimonianzaianto di lente intraoculare.
Spesso non riconoscevo neanche a poca distanza i volti delle persone che incontravo e neanche le lenti a contatto riuscivano a migliorare la mia visione (le portavo tutto il giorno ma mi davano notevole fastidio agli occhi).

Ora vedo benissimo senza occhiali. Solo per leggere da vicino ho bisogno delle lenti, ma solo per i caratteri minuscoli. Da lontano vedo i dieci decimi e guido tranquillamente anche di notte.

Certo, prima dell'intervento avevo tanta ansia; ma con una leggera sedazione sono riuscita a collaborare, fissando la luce che il Dottore mi suggeriva di guardare durante l'intervento. Sono stata assistita bene in tutte le fasi dell'intervento. Dopo dieci minuti circa mi sono rimessa in piedi e già da subito dall'occhio operato vedevo senza lenti.

Sono stata operata prima all'occhio destro e poi, dopo due giorni all'occhio sinistro.
Prima di riprendermi del tutto ho osservato un breve periodo di riposo, ho seguito scrupolosamente la cura con colliri e ho indossato di notte una conchiglia protettiva.

Per me è iniziata una nuova vita: non devo più portare quei pesantissimi occhiali o le fastidiosissime lenti a contatto, che hanno bisogno di accurata manutenzione.
Certamente non è facile rimanere vigili e collaborare durante l'intervento, ma aiuta tanto la sicurezza di essere operati da mani esperte.