Cataratta e Maculopatia

La maculopatia causa una riduzione della visione centrale rendendo difficoltoso guidare, leggere e riconoscere i volti. La maculopatia interessa spesso persone di eta avanzata e quindi si associa di frequente  a cataratta.

In presenza di maculopatia e cataratta insieme è opportuno prima curare la maculopatia e poi la cataratta perche la vista che si perde per colpa della maculopatia è difficile da riacquistare quella che si perde per la cataratta si riacquista dopo l’intervento.

4231_LEHP_iolAMD_2145

Esistono oggi lenti intraoculari dedicate a chi soffre di maculopatia avanzata e cataratta che permettono di migliorare la vista anche in modo significativo ingrandendo l’immagine e spostandola sulla parte di retina sana.

Nella Maculopatia infatti la parte centrale della retina chiamata macula è malata ma la parte circostante di retina è sana. Spostando l’immagine sulla retina sana con queste lenti intraoculari la vista migliora.

L’ultima novità per curare la maculopatia e la cataratta è la nuova lente intraoculare chiamata iolAMD, consiste di due lenti intraoculari che vengono posizionate nell’occhio durante un normale intervento di cataratta.

4231_LEHP_iolAMD_2415Queste lenti dalla geometria sofisticata si comportano come un telescopio galileiano che ingrandisce l’immagine di 1.3 X e la sposta su una parte di retina sana che comincia cosi a svolgere le funzioni prima svolte dalla macula. A seconda del grado di severità della malattia il paziente può anche ricominciare a leggere e a guidare dopo questo intervento.

Questo intervento per curare la maculopatia e la cataratta insieme è paragonabile ad un normale intervento di cataratta, dura circa 10 minuti e si esegue con anestesia topica utilizzando solo un collirio come anestetico.

Il Dott. Badala ha contribuito allo sviluppo di questa lente ed è il primo chirurgo italiano ad averla utilizzata. A settembre 2014 in occasione del Congresso Europeo di chirurgia della Cataratta (ESCRS) ha presentato i primi dati di utilizzo di questa tecnologia.

Roberto Grandis, Montecchio Maggiore (VI)

Votazione: Eccellente
Avevo circa  24 diottrie di miopia con 3.50 diottrie di astigmatismo per ciascun occhio. Sono stato operato di cataratta, correzione miopia e astigmatismo prima nell'occhio sinistro e poi all'occhio destro nel giro di t... Continua a leggere la testimonianzare giorni.
Al controllo del giorno dopo l'ultimo intervento la mia vista è di 10/10 senza gli occhiali in entrambi gli occhi.
Nonostante fossi un po' preoccupato perché non sapevo cosa aspettarmi, non ho sentito niente durante l'intervento, solo un lieve fastidio per l'iniezione dell'anestesia.
Dopo l'operazione ho avuto un lieve bruciore durante l'applicazione del collirio, un fastidio che è andato via subito.

Nel pomeriggio ho tolto la benda e, nonostante la vista un po' appannata a causa delle pupille dilatate, ho notato subito la differenza. Dopo tre ore le mie pupille sono tornate alla normalità e la mia vista è nettamente migliorata. Consiglierei questo intervento col Dottor Badalà perché non è invasivo, è veloce, indolore e dà ottimi risultati.

Guarda il video con la testimonianza del sign. Roberto Grandis