Cataratta e Maculopatia

La maculopatia causa una riduzione della visione centrale rendendo difficoltoso guidare, leggere e riconoscere i volti. La maculopatia interessa spesso persone di eta avanzata e quindi si associa di frequente  a cataratta.

In presenza di maculopatia e cataratta insieme è opportuno prima curare la maculopatia e poi la cataratta perche la vista che si perde per colpa della maculopatia è difficile da riacquistare quella che si perde per la cataratta si riacquista dopo l’intervento.

4231_LEHP_iolAMD_2145

Esistono oggi lenti intraoculari dedicate a chi soffre di maculopatia avanzata e cataratta che permettono di migliorare la vista anche in modo significativo ingrandendo l’immagine e spostandola sulla parte di retina sana.

Nella Maculopatia infatti la parte centrale della retina chiamata macula è malata ma la parte circostante di retina è sana. Spostando l’immagine sulla retina sana con queste lenti intraoculari la vista migliora.

L’ultima novità per curare la maculopatia e la cataratta è la nuova lente intraoculare chiamata iolAMD, consiste di due lenti intraoculari che vengono posizionate nell’occhio durante un normale intervento di cataratta.

4231_LEHP_iolAMD_2415Queste lenti dalla geometria sofisticata si comportano come un telescopio galileiano che ingrandisce l’immagine di 1.3 X e la sposta su una parte di retina sana che comincia cosi a svolgere le funzioni prima svolte dalla macula. A seconda del grado di severità della malattia il paziente può anche ricominciare a leggere e a guidare dopo questo intervento.

Questo intervento per curare la maculopatia e la cataratta insieme è paragonabile ad un normale intervento di cataratta, dura circa 10 minuti e si esegue con anestesia topica utilizzando solo un collirio come anestetico.

Il Dott. Badala ha contribuito allo sviluppo di questa lente ed è il primo chirurgo italiano ad averla utilizzata. A settembre 2014 in occasione del Congresso Europeo di chirurgia della Cataratta (ESCRS) ha presentato i primi dati di utilizzo di questa tecnologia.

Maria Sozzi, Catania

Votazione: Eccellente
La miopia elevata (17 diottrie in entrambi gli occhi), associata negli ultimi due anni alla cataratta costituiva, ormai per me un notevole handicap: la blefarite e la secchezza oculare non mi consentivano l' uso di lenti... Continua a leggere la testimonianza a contatto e con gli occhiali riuscivo ad avere a malapena una visione solo a media distanza.
Gli oculisti consultati mi consigliavano di rimandare l'intervento di cataratta, considerando le condizioni precarie della retina.
Mi sono affidata al Dott. Badala' (di cui avevo letto giudizi positivi su Internet riguardo ai suoi interventi innovativi) che, dopo aver effettuato nel suo studio di Catania i controlli necessari, mi ha rassicurato circa la fattibilità dell' intervento.

Il 22 e 23 Gennaio 2015 a Milano, in un ambiente accogliente e con attrezzature all' avanguardia, il Dott. Badala' ha effettuato, in entrambi gli occhi a distanza di un giorno, l'intervento di cataratta con impianto di lenti monofocali asferiche in anestesia topica.

Posso sicuramente affermare di aver ottenuto, grazie alla competenza del Dott. Badala', un ottimo risultato