Malattie della Cornea: Cause e Sintomi

La cornea è la parte trasparente dell’occhio posta al davanti della pupilla e dell’iride (la porzione colorata dell’occhio). Le novità sulle malattie e lesioni della cornea, l’intervento di trapianto di cornea, la cornea artificiale, la cheratoprotesi di boston, la chirurgia laser della cornea, e tutte le innovazioni sul trapianto di cornea mini invasivo e artificiale vengono qui descritte dal Dott Badala oculista a Milano, Roma e Catania.

Le lesioni e malattie della cornea quali: la cornea guttata, la distrofia della cornea, l’ulcera alla cornea, il cheratocono, l’abrasione della cornea possono portare alla perdita della trasparenza della cornea.

In questi casi la principale terapia è il trapianto di cornea che permette, sostituendo la cornea malata, di riacquistare la vista. Se si interviene per tempo tuttavia è possibile con una terapia medica scongiurare la necessità del trapianto della cornea.

Quando anche il trapianto della cornea fallisce si può usare la cornea artificiale con l’intervento di cheratoprotesi di Boston. Questo intervento permette oggi di ridare speranza a molti pazienti.

La cornea protegge l’interno dell’occhio dal mondo esterno, un pò come il vetro di un orologio. La cornea è composta da diversi strati; dall’esterno verso l’interno troviamo:

  • l’epitelio,
  • lo stroma,
  • l’endotelio.

Alcune delle malattie della cornea coinvolgono tutta la cornea, altre solo la porzione superficiale oppure solo lo strato più interno chiamato endotelio.

Alcune malattie della cornea hanno una componente genetica ed una associazione familiare, per cui in presenza di familiari affetti è consigliabile fare una visita oculistica per una diagnosi precoce delle malattie della cornea. Questo è per esempio consigliabile davanti alla cornea guttata oppure al cheratocono in cui sono stati identificati dei geni associati alla malattia della cornea. E’ oggi anche possibile effettuare uno screening genetico per queste malattie.

Rosaclara Pagani, Torino

Votazione: Eccellente
Nel 2006 ho scoperto di avere già la cornea guttata (Distrofia di Fuchs ). Vedevo sempre più annebbiato e l'unica soluzione prospettatami da diversi oculisti e... Continua a leggere la testimonianzara il trapianto di cornea, ma tutti dicevano che era una cosa da fare forse tra tanti anni; intanto io ci vedevo sempre di meno ed ero circondata tutto il giorno da una nebbia terribile.

Poi ,dato che io non mi rassegno mai, ho fatto delle ricerche su internet ed ho scoperto il dottor Badalà. Ho subito preso un appuntamento e con gioia ho appreso da lui che mi avrebbe operata con la nuova tecnica DMEK. Una tecnica innovativa e molto meno invasiva del trapianto tradizionale.

La degenza è brevissima, si torna a casa il giorno dopo, l'unica cosa è che si deve rimanere a letto orizzontali per 24 ore e poi bisogna alternare il letto allo stare in piedi per qualche giorno, un piccolissimo sacrificio in confronto al risultato !

Mi sono operata il 15/06/2016 ed è andato tutto benissimo !

Non il più piccolo dolore, la nebbia è scomparsa dall'occhio sinistro e sono strafelice, già una settimana dopo al controllo vedevo molto meglio di prima e addirittura meglio dell’altro occhio non operato, so che dovrò aspettare un bel po' di tempo, ma non vedo l'ora di operare anche l’occhio destro.

Grazie dr. Badalà mi sento rinata!