Trapianto di Cornea: rigetto e altri rischi

Rigetto trapianto di cornea

I rischi sostanziali dopo trapianto della cornea sono legati al rigetto. Il rischio di rigetto esiste sempre dopo trapianto di cornea, di solito è più alto subito dopo l’intervento e poi si riduce con il tempo.

I sintomi del rigetto del trapianto di cornea possono essere molto lievi come un semplice arrossamento dell’occhio, questo non deve mai essere sottovalutato in chi ha eseguito un trapianto di cornea, soprattutto se i sintomi persistono per qualche giorno. In questi casi è consigliabile contattare l’oculista. Altri sintomi possono essere la fotofobia (il fastidio alla luce) oppure l’offuscamento della vista.

La terapia del rigetto deve essere instaurata prontamente per avere il maggior successo e di solito si basa su colliri a base di cortisone. Dopo l’intervento di trapianto di cornea occorrerà fare attenzione ad evitare traumi all’occhio almeno per i primi mesi.

L’intervento dura circa 60-90 minuti, si lascia la sala operatoria con la benda che di solito si toglierà il giorno seguente. La convalescenza dopo l’intervento di trapianto di cornea varia a seconda che sia stato effettuato un trapianto di cornea tradizionale, lamellare o un trapianto di cornea artificiale come la cheratoprotesi di boston. Con il trapianto della cornea tradizionale la convalescenza dura alcuni mesi.

Con il trapianto di cornea lamellare anteriore (DALK) siamo nell’ordine di alcune settimane, cosi come con il trapianto di cornea endoteliale (DSAEK). Con la cheratoprotesi di Boston il recupero visivo è rapido, qualche giorno di solito.

Quali sono i rischi del trapianto di cornea?

I rischi principali del trapianto di cornea si distinguono in rischi durante l’operazione e rischi dopo l’intervento.

I rischi intraoperatori possono essere anche molto elevati nel caso di un trapianto di cornea tradizionale in cui viene sostituita tutta la cornea; l’occhio, infatti, rimane aperto senza protezione quando la cornea del paziente si toglie e poi si sostituisce con quella nuova.

In questi pochi istanti si può verificare una complicanza grave del trapianto di cornea che si chiama emorragia espulsiva, per fortuna si tratta di una complicanza rara del trapianto di cornea a tutto spessore. Questa complicanza è pressoché assente nel trapianto di cornea lamellare.

I rischi dopo l’intervento di trapianto della cornea sono legati principalmente al rigetto. Esiste sempre il rischio di rigetto dopo un trapianto di cornea, tuttavia questa chirurgia ha una percentuale di successo tra le più alte tra tutti i trapianti di organo.

Nel trapianto lamellare come la DALK (cheratoplastica lamellare anteriore profonda) o la DSAEK (trapianto di endotelio della cornea) siccome la quantità di tessuto trapiantato è minore allora anche il rischio di rigetto è minore. La terapia per prevenire il rigetto dopo trapianto della cornea si basa sui cortisonici che possono avere come effetti collaterali la formazione di una cataratta o un glaucoma. Nel trapianto lamellare si riduce il tempo della terapia antirigetto con indubbi vantaggi.

Sanna Serenella, Serrenti (VS)

Votazione: Eccellente
Nel 2005 dopo anni di molteplici visite ed esami arriva la diagnosi di Distrofia Corneale o Cornea Guttata e, con il viso triste i dottori, mi comunicano che le cellule nella cornea stavano sparendo e col tempo sarei rim... Continua a leggere la testimonianzaasta cieca.
Cerco altri specialisti in Sardegna, in Italia e in Spagna, ma la risposta è sempre la stessa. Un giorno mio marito mi urla di non darmi per vinta e di cercare in internet. Vado al computer è scrivo: “Bravi specialisti in distrofia corneale”. Mi appare il nome del Dott. Federico Badalà e decido di prenotare la visita per il 10 Marzo 2015.

Conosco personalmente il Dott. Badalà che mi rassicura e con pazienza e parole semplici mi spiega una nuova tecnica di trapianto di cornea chiamata DMEK. Mi racconta passo per passo l'intervento e sopratutto mi dice che non diventerò cieca.
Non sapevo se piangere o ridere!

Ho eseguito l'intervento il 14 Maggio 2015. Già dopo un mese ho rivisto finalmente i colori nitidi e ad ogni controllo (l'ultimo il 26 Gennaio 2016) ricevo solo notizie positive.

Ringrazio di cuore Dott. Badalà Federico, per avermi dato la speranza e sopratutto la Vista.
Grazie!