Terapia fotodinamica

La terapia fotodinamica della maculopatia, è stato il primo trattamento per la maculopatia essudativa a mostrare efficacia e sicurezza.

Si utilizza per il trattamento della maculopatia essudativa. Si inietta endovena una sostanza fotosensibilizzante che si accumula selettivamente nei neovasi (verteporfirina) e successivamente si applica un laser non termico.

È necessario non esporsi assolutamente alla luce per i 3 giorni successivi al trattamento. Questo laser è indicato soprattutto nelle maculopatie del miope e/o in associazione con la terapia antiangiogenetica (avastin, lucentis).

Giovanna Cataudella, Catania

Votazione: Eccellente
Prima dell'intervento le mie attività quotidiane erano molto penalizzate perché la vista si era molto ridotta; avevo perduto buona parte della mia autonomia e questo aveva addirittura causato una brutta caduta con frat... Continua a leggere la testimonianzatura del polso.
L'intervento ha avuto un'ottima riuscita e non ho avvertito alcun fastidio durante, né dopo.
La vista è migliorata subito, tanto da potermi permettere di andare a pranzo al ristorante immediatamente dopo.